domenica 28 febbraio 2016

Le mie Madeleines

Dopo la settimana scorsa e un viaggetto negli USA, oggi vi propongo una ricetta facilissima ma deliziosa, che tutti conoscerete... le mitiche Madeleines francesi!
Sono, per chi non le conoscesse, dei dolcetti a forma di conchiglia, molto ricchi, generalmente aromatizzati alla vaniglia e al limone, le cui origini sono ancora oggi di non chiara attribuzione.
Oltre la forma a conchiglia, sono comunemente "difficili da realizzare" perché dovrebbero formare una cupoletta sulla sommità. Niente panico: seguite la ricetta e non avrete problemi :)

Madeleines

ricetta madeleines

Ricetta per 20-25 dolcetti (ma dipende dalla dimensione dello stampo)

140 gr. di farina "00"
110 gr. di burro
2 uova (circa 100 gr.)
80 gr. di zucchero semolato
mezza bustina (8 gr.) di lievito per dolci
la buccia grattugiata di un limone
un cucchiaino di estratto di vaniglia
un pizzico di sale

ricetta madeleines facile veloce

Procedimento:

1. Per prima cosa tagliate il burro a pezzetti e fatelo sciogliere in un pentolino (senza farlo bollire!). Poi lasciatelo intiepidire.
2. A parte, in una ciotola versate le uova, la buccia del limone, la vaniglia e lo zucchero e mescolate con una frusta.
3. Setacciate la farina con il sale e il lievito e amalgamatela al composto di uova e zucchero.
4. A questo punto incorporate anche il burro, sempre mescolando con la frusta. Poi coprite la ciotola con della pellicola e lasciate riposare l'impasto in frigorifero per un paio d'ore.

madeleines recette

5. Trascorso questo tempo riprendete l'impasto, porzionatelo nello stampo con l'aiuto di due cucchiaini e cuocetelo in forno già caldo a 250° C per i primi 4-5 minuti, poi proseguite la cottura a 180° C fino a doratura. Una volta cotte estraetele dallo stampo e fatele raffreddare. Spolverate di zucchero a velo (facoltativo) e servite.

madeleines recipe easy and quick cookie

NOTE:

- E' importante dosare bene l'impasto, perché se ne mettete troppo poco si bruciano i bordi; viceversa, se esagerate, vi fuoriuscirà. Diciamo che varrebbe la regola dei 2/3, ma essendo l'impasto freddo non si capisce molto bene... Anch'io sono andata "a sentimento".

- Se usate uno stampo in silicone per la prima volta, dovete imburrarlo; se nu usate uno di metallo, va sempre imburrato;

- Potete variare l'aroma a vostro piacere;

Buona settimana!
Ogniricciouncapriccio

domenica 21 febbraio 2016

Red velvet cupcakes e mille grazie!!

Per prima cosa: grazie. A tutti quelli che mi hanno scritto e si sono accertati che non avessi fatto casino col blog.
Seconda cosa: grazie ad un'amica speciale che mi ha "soccorsa" nel momento del bisogno. E' stata fondamentale e vorrei ringraziarla con questa preparazione, che mi chiede da oramai credo quattro anni, seconda solo alla famosa e buonissima cheesecake cotta :D
Per il momento il "regalo" è virtuale, ma mi auguro diventi concreto molto presto (ti aspetto a mangiarle!!)

Si tratta... delle Red velvet cupcakes
E perché non le ho fatte prima?? Semplice: numero uno è difficile farle uscire rosse, infatti nemmeno le mie lo sono diventate troppo, ma c'è un trucco (leggi il fine post); numero due, a casa non amiamo né la crema al burro né quella al formaggio e a questo ho dovuto ovviare... Mi è riuscita  un'alternativa golosissima e davvero per nulla stucchevole. Roba che mio fratello ne ha fatte fuori due in un colpo solo!

RED VELVET CUPCAKES

ricetta red velvet cupcakes

Per 12 cupcakes

Per la base (riadattata da Peggy Porschen)

140 gr. di farina "00" antigrumi
130 gr. di latticello (vedi nota)
110 gr. di zucchero semolato
70 gr. di burro a temperatura ambiente
1 uovo medio (50 gr.)
14 gr. di cacao amaro
2 cucchiaini da the di estratto di vaniglia
un cucchiaino da the di aceto di mele
un cucchiaino da the di bicarbonato di sodio
un pizzico di sale
qb colorante alimentare rosso in pasta (vedi nota)

Per il frosting

160 gr. di mascarpone
80 gr. di burro a temperatura ambiente
80 gr. di panna fresca
50 gr. di zucchero a velo
un cucchiaino e mezzo da tè di estratto di vaniglia

red velvet cupcake ricetta perfetta

Procedimento:

1. Preriscaldate il forno a 170°C. Preparate 12 stampini da cupcake foderandoli con gli appositi pirottini.
2. Iniziate a preparare la base: in una ciotola capiente lavorate con le fruste il burro con lo zucchero, fino ad ottenere un composto cremoso. A questo punto aggiungete anche l'uovo e la vaniglia. Lavorate finché il tutto sarà bello omogeneo.
3. A parte stacciate il cacao con la farina e il sale. Aggiungetelo alternandolo al latticello al composto di burro e zucchero preparato in precedenza. Poi aggiungete il colorante*.
4. Sciogliete il bicarbonato nell'aceto e versatelo nel vostro impasto. Mescolate bene e versate l'impasto nei vostri stampi da cupcake.
5. Infornate e cuocete per circa 20 minuti (fate la prova stecchino).
6. Una volta cotte lasciatele raffreddare su di una gratella.

7. Preparate il frosting: sbattete il burro con le fruste fino a renderlo spumoso; poi aggiungete la vaniglia, lo zucchero a velo e il mascarpone e continuate a lavorare con le fruste. 
8. Versate anche la panna fredda, in due volte, lavorando con le fruste a media velocità: in questo modo si monterà direttamente nella ciotola, "alleggerendo" il tutto.
9. Versate nella sac à poche il vostro frosting e guarnite le cupcake. Decorate come più vi piace e servite.

easy and yummy red velvet cupcakes

OSSERVAZIONI:

1. La crema secondo me andrebbe messa quando si mangiano, perché così è liscia e morbida, insomma perfetta! Viceversa se non la consumate subito va conservata in frigorifero: il problema è che in frigo le torte a base di burro tendono ad indurire;

2. Per ottenere la decorazione come in foto ho usato una bocchetta a stella diversa da quelle normalmente utilizzate, con un foro più largo.

3. LATTICELLO: è il prodotto "di scarto" ottenuto dalla trasformazione della panna in burro. Pochi supermercati italiani lo vendono, in realtà è molto semplice da fare a casa: basta prendere la panna, metterla in un vaso o in una bottiglia e  agitare fino oltre lo stadio della panna montata, quando i grassi e l'acqua tendono a separarsi. Per ottenere 130 gr. di latticello da panna grassa al 35% occorre partire da 200 gr. di panna (ma anche un po' di più, visto che si perde sempre qualcosa in itinere).
Per un surrogato del latticello potete mescolare 65 gr. di yogurt bianco con 65 gr. di latte e un goccio di succo di limone (1 cucchiaino) e lasciar riposare per una decina di minuti prima di usarlo.

* Colorante: per ottenere un bel colore vivo, NON usate coloranti in polvere o liquidi. Io ho usato quello in gel, ma è ancora troppo poco concentrato, quindi ho appena ordinato i coloranti in pasta: dovrebbe essere sufficiente un mezzo cucchiaino per ottenere un colore vivo... vi saprò dire!
Intanto mi mangio queste delizie, per oggi è tutto!

Ciao, ciao

Ogniricciouncapriccio



domenica 14 febbraio 2016

I baci del mio non-San Valentino...

Ciao a tutti!
Se avete dei problemi a leggermi è perché oggi credo di aver fatto un gran casino... :) 
Settimana scorsa ho avuto la brillante idea di acquistare un dominio su wordpress e oggi ho cercato di reindirizzarci il blog ma temo solo di aver fatto un disastro. Quindi, se qualcuno di voi che riesce a leggere mi batte un colpo dicendomi che il blog funziona o che conosce qualcuno che possa aiutarmi, gliene sarei infinitamente grata!

In cambio eccovi la mia proposta Sanvalentinosa, nonostante io San Valentino non lo abbia festeggiato (e non leggetela come carenza di romanticismo, quanto più di materia prima :P).

La ricetta viene dal Blog di Annarita, e questo mese è anche stata pubblicata su "A tavola".
Inutile dirvi che è davvero ottima, e se volete cimentarvi, cliccando sul link trovate il passo passo.
Come sempre, invece, io vi scrivo la ricetta con le mie annotazioni, sperando possano esservi utili.

I Baci

baci perugina

Ingredienti (io ho diviso per quattro queste dosi, ottenendo 7 cioccolatini)

240 gr. di cioccolato gianduia
120 gr. di granella di nocciole
una trentina di nocciole intere
70 gr. di panna fresca
+
500 gr. di cioccolato fondente per la copertura

baci perugina ricetta homemade

Procedimento:

1. Spezzettate il cioccolato gianduia e mettetelo da parte. In un pentolino fate scaldare la panna: quando arriva a bollore spegnete e scioglieteci il cioccolato.
2. Quando il composto sarà uniforme, aggiungeteci la granella di nocciole e mescolate bene.
3. Con un cucchiaio porzione dei mucchietti su un foglio di cartaforno, poi metteteli a rapprendere in frigorifero.
4. Una volta solidificati, cercate di ricavarne delle palline: adagiate su ognuna una nocciola, premendo leggermente.
5. Temperate il cioccolato fondente* e tuffateci i cioccolatini: sollevateli con una forchetta, facendo sgocciolare l'eccesso di cioccolato, poi metteteli su un foglio di cartaforno a solidificare a temperatura ambiente.

* Per il temperaggio io uso la tecnica dell'inseminazione: sciolgo 2/3 del cioccolato al microonde, portandolo tra i 45 e i 50 C, poi aggiungo il restante terzo, ridotto in piccoli pezzi, e mescolo per abbattere la temperatura, che nel caso del cioccolato fondente deve arrivare a circa 31 gradi.
Ovviamente per la misurazione della temperatura è necessario un termometro da pasticceria, altrimenti la riuscita del temperaggio va davvero a fortuna ;)

baci perugina homemade


Spero abbiate trascorso un felice san Valentino :)

A presto, 
Ogniricciouncapriccio

domenica 7 febbraio 2016

Castagnole di ricotta: una dolce ricetta di carnevale

Ciao a tutti!

Credo di essere sul filo di lana per regalarvi una nuova ricetta per Carnevale :) Oramai, come vuole la tradizione, una all'anno è d'obbligo!
In realtà questo we ho prodotto parecchio (contate che non tornavo a casa da due settimane e ci sono rimasta per 24 ore circa): 
- castagnole (vedi sotto)
- crackers di semola (ho comprato troppa semola... che ci faccio di tutta quella semola che mi ritrovo?? No, il pane di semola non mi fa impazzire, accetto altri consigli :P)
- due future ricette per San Valentino (che tanto non festeggio, quindi sono da me per me!)

Pronti per la ricetta? Ecco la mia versione delle castagnole, con l'aggiunta di ricotta nell'impasto, per renderle davvero soffici e leggere!

Castagnole di ricotta

castagnole ricotta ricetta

Ingredienti per una quarantina di castagnole

140 gr di farina antigrumi*
100 gr. di ricotta vaccina 
1 uovo (50 gr.)
50 gr. di zucchero di canna
30 gr. di liquore (io anice, ma anche rhum...)
30 gr. di olio di semi di mais 
mezza bustina di lievito per dolci
la scorza grattugiata di mezza arancia (o anche limone)
un pizzico di sale 
+
Olio per friggere (ca. 750 ml)
zucchero semolato per la copertura
sac à poche Decora

castagnole carnevale ricetta


Procedimento

1. In una terrina lavorare la ricotta con lo zucchero. Poi aggiungete l'uovo, la scorza dell'arancia, il liquore e l'olio. Mescolate bene.
2. Aggiungete, sempre mescolando (con l'amica frusta!), in due/tre volte anche la farina, facendo attenzione alla formazione di grumi. Nel frattempo iniziate a far scaldare l'olio per friggere.
3. Aggiungete anche il lievito al vostro impasto, incorporatelo per bene e trasferitelo in una tasca da pasticcere (sac à poche): fate un taglio piuttosto grande alla punta (foro ca. 2 cm di diametro) e con l'aiuto di un coltello cui avrete oliato la lama, fate cadere l'impasto, spremendolo dalla sacca, a tocchetti, nell'olio bollente (forma perfetta e minimo sforzo!). 
Friggete fino a doratura, scolatele su carta assorbente e rotolatele ancora calde nello zucchero. 
Lasciatele raffreddare (se riuscite... ) e 

castagnole carnevale ricetta ricotta

castagnole carnevale ricetta

Buon carnevale!

* Ricordate che la farina può variare a seconda della ricotta che utilizzate, perché non tutte contengono la stessa % di acqua e di conseguenza assorbono in modo diverso. Inoltre stavo notando il particolare potere addensante di questa farina e mi chiedevo (e vi chiedo, se lo sapete): non è che viene tagliata con dell'amido?

Non mangiatene troppe, mi raccomando! :P

Ogniricciouncapriccio