mercoledì 24 dicembre 2014

Gingerbread house all'italiana

In queste giornate di vacanza torno a scrivere anch'io...
Vi lascio con la mia creazione natalizia "Italianizzata": una gingerbread house di pasta frolla e ghiaccia reale: la mia ricetta è meglio del cemento, niente barattoli per reggerla!! Che dite, vi piace? I miei si lamentano perchè è troppo "semplice", a me invece piace così!!!
Se vi volete cimentare il template per la casa lo trovate qui, mentre per la frolla (ce ne vuole un bel po', diciamo un chiletto buono) potete usare questa o questa, come preferite. Per non far torto a nessuno ho usato la prima per i muri e la seconda per il tetto.
Io ho anche accorciato il tetto di un paio di cm abbondanti da entrambi i lati, perchè era veramente enorme!

casa pan di zenzero template

casetta pandizenzero

Per ottenere questo effetto con le finestre, ho inserito nelle fessure delle caramelle di zucchero dure e poi ho cotto la frolla: sciogliendosi in forno creano questo bellissimo effetto vetro!

effetto vetro biscotti

Per la ghiaccia reale invece ho usato:
500 gr. di zucchero a velo vanigliato
115 gr. di albumi
4 gr. di cremor tartaro 
qualche goccia di succo di limone

1. Montate a neve gli albumi con il cremor tartaro.
2. Aggiungete il limone e lo zucchero, piano, sempre sbattendo, fino a raggiungere una consistenza corposa (io faccio la prova cucchiaio: ne prendo un bel po' e lo capovolgo: se non cade è perfetta!).
3. Coloratela se necessario e poi trasferite nella sac a poche. Se la lasciate in una ciotola copritela con la pellicola alimentare perchè altrimenti secca. Quella che avanza conservatela in frigo.

Guardate quanto è solida e come sembra vera la neve sul camino!

ghiaccia reale ricetta

ghiaccia reale ricetta

 Per quest'effetto ho sparso la ghiaccia con la sac a poche e con uno stuzzicadenti l'ho lavorata per creare l'impressione che fosse innevato. Subito dopo ho sparso un po' di zucchero semolato, per dare l'impressione dei cristalli di neve.

Se volete cimentarvi, ricordatevi di assemblare prima le pareti e il giorno dopo il tetto. Quando è asciutta decoratela a piacere.

 BUON NATALE A TUTTI!


Bacioni e buone feste!!!
by ogniricciouncapriccio

giovedì 18 dicembre 2014

Evento #unastartuttanuova

Ciao a tutti!
Quest'oggi vi voglio rendere partecipi del bellissimo evento organizzato da Star, tenutosi lo scorso 11 dicembre a Milano, cui ho avuto il piacere di prendere parte, insieme ad altri foodblogger.
E' stata per me la prima vera esperienza di visita in un'azienda sotto queste spoglie, e, vi dirò di più: mi è stata utile anche per toccare con mano molte delle realtà studiate sui libri di marketing e non solo.


Inoltre, ho avuto l'opportunità di assistere allo showcooking tenuto da Tiziana Stefanelli, nonchè gustare quei deliziosi piatti! E avere un selfie, ovviamente :)


Un po' di unofficial photos :) - scusate la qualità, ma le ho fatte col telefono

I piatti:

 La masterchef

La "cucina"

Alcuni prodotti

E alcuni stralci dei bellissimi uffici!



Vi lascio qui tutte le info nonchè le foto ufficiali dell'evento. Per saperne di più, cercate sui social l'hashtag #unastartuttanuova


STAR APRE LE PORTE DEL CULINARY CENTER
PER PRESENTARE LE NOVITA’ DEL 2015

Tre lanci di prodotto, presentazione del Culinary Center
e nuovi uffici a Milano: un’occasione per “STAR” in famiglia! 

Una STAR tutta nuova ha accolto gli invitati allo show cooking tenutosi l’11 dicembre 2014 presso la sede milanese dell’azienda: un’occasione per presentare i nuovi uffici, il Culinary Center e i nuovi prodotti, Yakisoba, Saikebon® ai Gamberetti e GranRagù con Datterino, accogliendo gli ospiti nella grande famiglia STAR.


STAR ha infatti aperto le porte dei suoi nuovi e rivoluzionari uffici a Milano, nel Palazzo MAC7 di via Imbonati 18, dove, al piano terra, è stato presentato il Culinary Center, un’area di 460 metri quadrati che rappresenta una vetrina verso l’esterno e un’area polifunzionale per l’azienda.


La location potrà ospitare test, assaggi, degustazioni, pranzi di lavoro, training ed eventi, grazie alla presenza di un’attrezzatura altamente innovativa e di una cucina professionale.


Il Culinary Center rappresenta la concretizzazione della volontà di STAR di cambiare e rinnovarsi, ponendosi come pioniere dell’innovazione, pur nel rispetto della storia e della tradizione che caratterizzano l’azienda. Grazie a questa “finestra sul mondo”, STAR comunica e permette di sperimentare in prima persona la bontà e la genuinità dei propri prodotti, buoni come fatti in casa - solo più in grande.

Il Culinary Center sarà aperto anche ai consumatori: i futuri vincitori del concorso “I Migliori Piatti d’Italia”, che prevede il caricamento e la votazione sul sito Star.it delle ricette tipiche regionali interpretate dai consumatori, potranno vincere la partecipazione ad un fantastico corso di cucina con Tiziana Stefanelli, vincitrice della seconda edizione di Masterchef® Italia, che si terrà presso la nuova location.

Proprio Tiziana Stefanelli è stata una delle protagoniste della serata con lo chef Fabrizio Milione, chef del ristorante “Brunelleschi”, in una divertente “competizione” ai fornelli: entrambi hanno realizzato due fantastiche ricette con protagonisti due dei nuovi lanci di prodotto di STAR, GranRagù con Datterino e Yakisoba.

Nel corso della serata STAR ha infatti presentato il nuovo nato della gamma GranRagù Star, i ragù gustosi, ricchi, profumati, preparati senza l'utilizzo di conservanti, con ingredienti di primissima qualità: GranRagù con Datterino. Un nuovo ragù con tutta la dolcezza naturale del pomodoro Datterino 100% italiano, preparato solo con carni selezionate, verdure fresche e una lenta cottura per esaltare il sapore degli ingredienti.  

GranRagù è il più amato dalle famiglie italiane perché dal 1962 STAR lo prepara seguendo la ricetta autentica: carne selezionata macinata al momento, verdure tagliate fresche e cottura lenta.

Yakisoba è un delizioso e ricco piatto giapponese composto da noodles, carne e verdure, da arricchire con una salsa di soia gourmet e da consumarsi senza brodo!



Disponibile nella versione Pollo e Manzo in comode cup, si prepara in modo facile e veloce.
E’ sufficiente versare nella cup dell’acqua calda, richiudere con il tappo di plastica e lasciare riposare per 3 minuti: una volta scolato il prodotto e aggiunta la bustina di condimento presente all’interno, è subito pronto un gustoso primo piatto da mangiare quando e dove si vuole!

Saikebon® ai Gamberetti è la nuova varietà di nudolini che arricchisce la gamma firmata STAR.
Con Saikebon® reinventi il tuo modo di mangiare: tanti gusti diversi che stuzzicano il palato, da preparare velocemente senza sporcare la cucina. Saikebon® è disponibile da oggi in 6 varietà, per accontentare tutti i gusti e non solo gli amanti delle specialità etniche: Pollo e verdure, Verdure, Manzo, e la nuova Gamberetti, disponibili nella versione Cup; Manzo speziato e Pollo con salsa di soia, nella versione Busta. La preparazione richiede solo pochi minuti: basta versare il contenuto della bustina presente nella confezione e aggiungere dell’acqua bollente. In soli 3 minuti un ottimo primo piatto è pronto!


Il Gruppo Star
Star, fondata nel 1948, è una storica impresa dell’industria alimentare italiana. STAR appartiene al Gruppo Gallina Blanca Star. www.star.it. 
Il Gruppo Gallina Blanca Star (GBST), con sede a Barcellona è controllato al 100% del Gruppo spagnolo Agrolimen. Con un fatturato nel 2012 pari a 637 milioni di euro, è una delle maggiori realtà alimentari a livello internazionale, specializzata in soluzioni culinarie che comprendono le seguenti categorie, insaporitori, zuppe, sughi e piatti pronti. Con brand leader nei mercati in cui opera (Gallina Blanca, Star, Avecrem, Grand’Italia o Jumbo) l’azienda è presente in Spagna, Italia, Olanda, Russia, Africa e Medio Oriente. Il Gruppo punta sull’innovazione come proprio motore di crescita, su una cucina salutare e naturale, grazie all’utilizzo di materie prime di prima qualità e al costante aggiornamento di processi produttivi naturali, nel rispetto di una nutrizione quotidiana ideale e attraverso la diffusione di una dieta sana ed equilibrata. 

Ringrazio STAR per avermi permesso di partecipare a questa serata e con voi lettori... alla prossima!

Baci, ogniricciouncapriccio

venerdì 12 dicembre 2014

Aperitivo sfizioso con i crackers di semola!

Mi scuso per la latitanza ma ho seri problemi di tempo ed arrivare dappertutto in questo periodo è complicato XD
Lungi da me l'essere ripetitiva presentandovi questa ricetta: l'idea di fare dei crakers di semola è nata poco dopo che Molino Grassi mi ha gentilmente inviato le sue farine: il mio problema è stato trovare l'armonia tra gli ingredienti.
Un equilibrio che è arrivato, prima con la farina normale, e poi, oggettivamente, quando ho preparato (con queste dosi) i cracker di semola, DUE volte in DUE giorni, e sono letteralmente SPARITI! 
Trovo siano uno stuzzichino ottimo e accattivante, oltretutto sono davvero semplici da fare, quindi... cimentatevi!! Potrebbero essere perfetti in vista del Natale ;)

CRACKERS DI SEMOLA
non smetterai di mangiarli!

ricetta crackers ffai da te

Ingredienti per circa 8 teglie di crackers
300 gr. di semola kronos q.b
30 gr. di olio di oliva
175 gr. di acqua naturale
6 gr. di sale
4 gr. di lievito  di birra secco
+
sale per la superficie

crackers ricetta fatta in casa

Procedimento:
1. In una ciotola mescolate tutti gli ingredienti secchi, poi aggiungete l'olio e l'acqua, impastate fino ad avere un composto omogeneo, mettetelo in una ciotola, copritela con pellicola e lasciatelo lievitare fino al raddoppio.
2. Una volta lievitato, sgonfiatelo.
3. Reimpastate l'impasto, spargete della semola sul piano da lavoro e stendetelo con l'aiuto di un mattarello. Dovete cercare di stenderlo il più sottile possibile senza romperlo.
4. Ragliate dei rettangoli e trasferiteli su una teglia rivestita di cartaforno, spargete poco sale fino sui cracker e cuoceteli in forno già caldo a 185°C per 8-9 minuti (attenzione perchè si bruciano facilmente).
5. Fate raffreddare e divertitevi!

crackers salati ricetta

p.s. per la conservazione (sempre che avanzino eh...) si raccomandano contenitori ermetici :)

Con questa ricetta partecipo al contest di Molino Grassi


Buona serata!
by ogniricciouncapriccio

domenica 30 novembre 2014

I cracker che non ti aspetti

Ciao a tutti!
Finalmente mi sono ritagliata un momentino per scrivere... figuratevi che non mi sono nemmeno preoccupata di festeggiare il secondo blogversario, causa mancanza di tempo :D sono pessima eh?
Fortuna che avevo qualche ricettina salvata archiviata e fotografata, pronta da proporvi... Oggi parliamo di salato, e vi regalo dei cracker buonissimi e facilissimi da fare, oserei dire più buoni di quelli che si comprano (affermazione avvalorata anche della voracità dei miei assaggiatori!!!)

Crackers 
leggeri & senza lievito

cracker ricetta senza lievito

Ingredienti per circa 3 teglie da forno di crackers
100 gr. di farina "00"
50 gr. di acqua
7 gr. di olio e.v.o.
3 gr. di fecola di patate
2 gr. di sale fino

sale fino per la superficie

ricetta cracker

1. In una ciotola mescolate la farina, la fecola e il sale.
2. Aggiungete l'acqua e l'olio ed impastate fino ad ottenere una pasta liscia.
3. Coprite la pasta con pellicola trasparente e lasciate riposare in frigo almeno un'ora.

***

4. Spolverate di farina il piano di lavoro e stendete la pasta il più sottile possibile: l'ideale è lavorare con poca pasta alla volta e ricavare il maggior numero di crackers, perchè rilavorandola si forma il glutine, diventa elastica ed è più complicato stenderla.
5. Adagiate i crackers sulla placca da forno rivestita di cartaforno, spolverateli con (poco) sale e cuoceteli in forno già caldo a 180°C modalità statico per circa 10 minuti. Sono pronti quando iniziano a dorare: teneteli d'occhio perchè è facile che passino la cottura :P

Si conservano (nella remota ipotesi d'avanzo) nelle scatole di latta o nei tupperware, l'importante è tenerli al riparo dall'umidità!

cracker leggeri

Ma a voi non ricordano qualcosa? O meglio, qualcuno??

cracker ricetta fai da te

Spero proverete presto la ricetta... bacioni a tutti! A presto, si spera!
by ogniricciouncapriccio

domenica 9 novembre 2014

Crostata di frutta

Ciao a tutti! 
Quest'oggi vi propongo una ricetta fantastica ;) 
Ho avuto modo di venire a conoscenza -appena in tempo- del contest indetto da Molino Grassi e sono stata tanto fortunata da rientrare tra i primi ad aver inviato la mail per parteciparvi :) In questo modo ho potuto provare due delle loro meravigliose farine, con cui oggi vi propongo un buonissimo dolce. 
Ho scelto di preparare una crostata di frutta perchè, nella sua semplicità, è un dolce sempre apprezzato e molto invitante. Inoltre, come sapete, è con lei che ho iniziato la mia avventura di pasticciona, è lei che mi conquista ogni volta che la preparo, ed è lei che è riuscita incredibilmente buona con questa farina di kamut, di cui sono rimasta piacevolmente colpita.

CROSTATA DI LAMPONI
con frolla croccante di kamut all'olio, crema alla vaniglia e granella di pistacchi

crostata di frutta

Ingredienti per una tortiera da 20 cm.
Per la pasta frolla:
150 gr. di farina di kamut Molino Grassi
75 gr. di zucchero semolato
1 tuorlo (ca. 20 gr.)
40 gr. di acqua naturale
15 gr. di olio di riso
15 gr. di olio e.v.o
1 bustina di vanillina
1 pizzico di sale

crostata frutta ricetta


Per la crema ( per la ricetta della crema pasticcera normale, qui)
170 gr. di latte (per me senza lattosio)
1 uovo (albume e tuorlo separati)
30 gr. di zucchero
6 gr. di amido di mais setacciato
1/2 bacca di vaniglia
1/3  foglio di gelatina

Lamponi e pistacchi per decorare

ricetta crostata senza burro

Procedimento:
Per la frolla: 
1. In una ciotola mescolate le farina, lo zucchero, il sale e la vanillina. Disponetela a fontana su una spianatoia.
2. Fate un buco nel centro e versate il tuorlo, l'olio e infine l'acqua. Impastate fino ad avere un impasto omogeneo ed elastico. 
3. Coprite la pasta così ottenuta con pellicola trasparente e lasciatela riposare in frigo per un'oretta.
***
4. Trascorso questo tempo, stendetela sottile con il mattarello, foderate la vostra tortiera e cuocetela in bianco (coperta con cartaforno e legumi secchi) a 180°C per 15 minuti, poi togliete i legumi e completate la cottura per altri 10/15 minuti.

Per la crema:
1. Mettete a scaldare il latte con i  semi e la bacca di vaniglia. Nel frattempo ammollate la gelatina in acqua fredda.
2. Lavorate il tuorlo con 20 gr. di zucchero e l'amido, assicurandovi che non vi siano grumi. 
3. Quando il latte bolle, togliete la bacca della vaniglia e versatelo a filo sul composto di uovo, amido e zucchero, mescolando con una frusta. Poi rimettetelo nel pentolino a cuocere, per 3/4 minuti, mescolando sempre. Una volta addensato, ma non troppo, spegnete e aggiungete la gelatina strizzata. Mescolate bene con la frusta.
4. Montate l'albume a neve ferma, poi aggiungete piano il restante zucchero fino ad ottenere una meringa. 
5. Con la crema tiepida, inserite la meringa: un cucchiaio mescolando normalmente, la restante con movimenti dall'alto verso il basso, cercando di non smontarla.
6. Versate subito la crema sulla base di frolla.
7. Lavate i lamponi e sminuzzate una decina di pistacchi non salati e decorate la vostra torta :)

ricetta crostata di frutta light

Con questa ricetta partecipo al contest di Molino Grassi


N.B. linea q.b. Molino Grassi
Kamut: il frumento Khorasan a marchio KAMUT® è un antenato del grano duro, coltivato migliaia di anni fa nella fertile zona tra Egitto e Mesopotamia. Dopo un lungo oblio è stato riscoperto dai Quinn, agricoltori biologici del Montana. Contiene proteine nobili, acidi grassi insaturi, sali minerali e oligominerali. Per chi è ipersensibile al glutine è una valida alternativa ad altri cereali.

Ciao ciao!
by Ogniricciouncapriccio

domenica 2 novembre 2014

Fave dei morti

Queste giornate di sole tutto potevano ricordare tranne che stava per iniziare il mese di Novembre.
In occasione della festività dei morti volevo preparare i tipici biscotti, le cosiddette "fave dei morti", che tradizionalmente si trovano in questo periodo.
Purtroppo ogni regione, se non addirittura ogni provincia, possiede una sua ricetta, ed io non sono stata in grado di reperirne una del mio territorio: perciò, armata di pazienza e ricordi, ho cercato di riprodurre i sapori ed i profumi di quelle che la nonna era solita comprare quando ero piccola.
E, con una nota di incredulità da parte mia per la somiglianza, questo è ciò che ne è venuto fuori (ma se qualcuno possiede ricette accreditate della provincia di Bergamo, sono ben accette!).

FAVE DEI MORTI

fave dei morti ricetta

Ingredienti per circa 16 fave
100 gr. di farina di mandorle
100 gr. di farina "00" + quella per il piano di lavoro
75 gr. di zucchero semolato
1 uovo grande
35 gr. di canditi
1 cucchiaio di liquore all'anice
un cucchiaino e mezzo di semi di anice
la punta di un cucchiaino di ammoniaca per dolci (facoltativa)
un cucchiaino di acqua
1 pizzico di sale

fave dei morti senza burro ricetta

Procedimento
1. In una ciotola mescolate le farine, lo zucchero, il sale e i semi di anice.
2. Fate una fontana nel centro e, mescolando con una forchetta, aggiungete l'uovo, l'ammoniaca stemperata nell'acqua, il liquore e i canditi.
3. Compattate l'impasto con le mani e stendete dei salsicciotti sul piano da lavoro infarinato: rotolateli nella farina e ricavate degli "gnocchi". Schiacciate il centro e trasferiteli sulla placca coperta da cartaforno.
4. Cuocete in forno già caldo (statico sopra-sotto) a 160°C per 20 minuti (finchè i bordi iniziano a dorarsi).

biscotti senza burro ricetta

Se le lasciate all'aria il giorno dopo diventeranno più morbide, quindi vi consiglio di metterle nelle scatole di latta. I prodi assaggiatori suggeriscono che dopo qualche giorno sono più buone ;)

Spero abbiate occasione di rifarle perchè sono davvero buone :)
A presto,
by ogniricciouncapriccio