domenica 17 agosto 2014

La spongada camuna, versione moderna...

Parliamo di nuovo di spongade o sfongade. Come sapete sono un dolce tipico della mia zona, un pane dolce che in genere si consuma nel periodo pasquale ma si trova oramai a tutte le sagre paesane e in tutti i panifici.
Le nonne sono, ancora una volta, le uniche a conoscere la ricetta originale. Noi, abituati al gusto di quelle che si acquistano, rimaniamo estasiati davanti alla loro abilità.
La mia, di nonna, purtroppo non mi ha insegnato la ricetta, e oramai è tardi.
Le prime che ho fatto, venivano dall'aver sistemato quel: un po' di questo e di quello sentito da una zia, che le fa sempre a "botto" e spesso non vengono, così che l'impasto è bello e che da buttare.
Poichè non amo gli sprechi e ho provato un'altra ricetta con cui mi è più volte capitato di farle e buttarle, oggi vi voglio proporre questa ricetta che casualmente mi ha permesso di realizzarle e che in due settimane ho replicato ben sei volte, in modo da essere certa di dosi e tempi... Ma il bello è che finora non mi ha MAI deluso, anzi! Le mie spongade sono state elogiate e addirittura elevate a "MIGLIORI DI SEMPRE" dai palati raffinati dei miei assaggiatori (che continuano a spazzolarsele senza pietà). 

Ah, il titolo MODERNE l'ho scelto per la facilità e velocità di preparazione, che ben si addicono allo stile di vita dell'homo del XXI secolo :) Allora, vi ho convinto?

SPONGADE o SFONGADE "MODERNE"

spongada ricetta facile e veloce

Ingredienti per 4 pezzi
125 gr. di farina manitoba
170 gr. di farina "00"+ quella per il piano di lavoro*
25 gr. di farina di riso
3 gr. di lievito di birra secco
100 gr. di latte
80 gr. di zucchero
20 gr. miele
30 gr. di olio di semi di mais
un uovo
un cucchiaio di whisky
un pizzico di sale
1/2 cucchiaino di malto

Procedimento:
1. Fate rinvenire il lievito di birra secco nel latte tiepido con il malto. 
2. Versate nel latte, mescolando con una forchetta, nell'ordine: lo zucchero, il miele, l'uovo, l'olio, il whisky.
3. Setacciate le farine con il sale e aggiungetele gradatamente al composto preparato il precedenza, continuando a mescolare. Quando non riuscite più con la forchetta usate le mani. A seconda dell'umidità e della farina potrebbero essere necessari quei 10 gr. in più o in meno per non fare attaccare la pasta al piano di lavoro.
4. Impastate fino ad ottenere un composto omogeneo.
5. Lasciate lievitare in una ciotola dopo averla unta, coperta con pellicola trasparente fino al raddoppio (io circa 4 h nel forno con luce accesa).
***
6. Riprendete l'impasto , sgonfiatelo un poco, dividetelo in 4 parti e formate delle palline dando un giro di pieghe tipo 2. Lasciate lievitare, ponendole già sulla teglia del forno, coperte con pellicola trasparente, fino al raddoppio (anche qui orientativamente 3 h e mezza).
7. Accendete il forno a 180°C. Fate un taglio alle vostre pagnottelle con la forbice, facendo attenzione a non sgonfiarle. Versate un cucchiaio di zucchero in ogni fessura formatasi e cuocete per 15/18 min. (anche qui, oltre al colore per essere certi della cottura potete fare la prova stecchino).

spongade ricetta facile e veloce

E' soffice soffice ed  è davvero deliziosa! Provatela, mi raccomando :)

NB:

- Se volete potete prima di infornarla spennellare la superficie con 1 tuorlo sbattuto mescolato a 2 cucchiai di latte e  poi spargere lo zucchero che aderirà meglio;

- Se doveste farne in quantità potete congelarle e scongelarle all'occorrenza, in modo da preservarne la sofficità;

- Conservazione: Utilizzate preferibilmente sacchetti di plastica, che consentono di trattenere l'umidità e mantenerle soffici per 2/3 giorni.

E la prova che l'altra sera le ho rifatte, con doppia dose (perdonate la foto da telefonino)

spongade ricetta

 A presto!
By ogniricciouncapriccio



30 commenti :

  1. mi sembra che te la sei cavata egregiamente, sembrano soffici e molto deliziosi!!!!Brava Laura!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sabry, sono felice che ti piacciano :)

      Elimina
  2. O_O eccome se mi hai convita!!!! Hanno un aspetto incantevole e le spazzolerei volentieri anch'io :-P
    Complimenti tesoro :-D
    Buona domenica e a prestissimo <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Consuelo!!! A prestissimissimo :*

      Elimina
  3. Non ho la ben che minima idea di che cosa sia la spongada, ma mi tuffo ad occhi chiusi!!!!! Continua a deliziarmi con queste golosità!!!!!
    Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Continuo volentieri, sono troppo golosa! :D
      Buona serata anche a te, un bacione!

      Elimina
  4. E brava Laura le spongade che belleeee un po' avventurose direi ( gli ingredienti ) tutte da provare !!!!!
    Ora non ti resta che farle con il licoli !!!!!!
    Un bacione :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avventurosissime direi! Non mi aspettavo che pasticciando con gli ingredienti riuscissero queste! Sarà che sono abituata al gusto di quelle che si comprano :) Però che ti devo dire, sono troppo buoneeeee
      P.s. sto lavorando alla conversione con il licoli, comincio a capirci qualcosa finalmente, con la focaccia salata ho fatto bingo!
      Bacioniiiii

      Elimina
  5. Be queste brioshine ci hanno convinto solo a guardarle, sono deliziose! E poi il link che ci hai postato è davvero utile, io che non sono brava con i lievitati lo trovo utilissimo. Sai che fanno proprio venir voglia di mettere le mani in pasta? Un abbracio e buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa molto piacere, l'idea era proprio quella, di portare un po' della tradizione "rivisitata" anche fuori :)
      Buona settimana anche a te!

      Elimina
  6. Davvero ottimi!! Sembrano appena usciti dal fornaio! Bravissima!
    Buona serata cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è uno dei più bei complimenti che mi abbiano fatto! Grazie cara, un bacione!

      Elimina
  7. Tienen que estar buenisimos.Me ha gustado tu bloc, he encontrado cosas muy interesantes, te invito a visitar el mío esta semana mesas marineras, restaurantes curiosos y una receta refrescante espero que te gusten mis propuestas y me encantaría que si no eres seguidora te hicieras para seguir compartiendo nuestros blogs
    Elracodeldetall.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Estoy contenta que te ha gustado mi blog y ¡me gustan muchisimo las tuas propuestas!
      ¡Hasta luego! :)

      Elimina
  8. Molto convincenti, senza dubbio, bravissima!!!

    RispondiElimina
  9. Convinta eccome! Sembrano buonissimi... Sempre molto invitanti le ricette della tradizione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì! Il problema è sempre ricrearle :D tutti hanno il loro tocco segreto!

      Elimina
  10. Il classico dolce per cui impazzisco :O Che spettacolo Laura :O No davvero, devo provarli!

    RispondiElimina
  11. Wow! E' spettacolare, bravissima!!!

    RispondiElimina
  12. I love brioche and these look beautiful:)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  13. Seppure io preferisca sempre i dolci al cucchiaio a quelli lievitati, questi tuoi dolci profumano di nonni, di famiglia, di tradizioni. Sei stata brava a riporporli, a tenerne vivo il ricordo attualizzandolo e a farci conoscere qualcosa di tipico delle tue parti. Ho un amico/collega di Cogno, gli chiederò di portarmene una ! Un abbraccio Ilaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente, è un dolce particolare e va provato! Se hai questa fortuna, poi, non devi nemmeno "mettere le mani in pasta" :P Ti ringrazio per essere passata Ilaria, bacioni!

      Elimina
  14. non lo conoscevo...mi hai proprio incuriosito terrò la ricetta in serbo..per il futuro a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona! Spero tu abbia occasione di provarle presto!

      Elimina
  15. Sono una meraviglia soffice, Laura. Le voglio provare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Aria! Provale e te ne innamorerai, giuro! Qui le sto rifacendo praticamente ogni 2 giorni! :D

      Elimina

Se l'articolo ti ha suscitato qualche domanda, critica o apprezzamento, scrivilo pure qui.
Dei commenti senza senso o lasciati tanto per, ne arrivano a sufficienza: a me non servono e a te fanno perdere tempo. Quindi evita, grazie.

N.B: I COMMENTI ANONIMI SARANNO ELIMINATI