mercoledì 6 gennaio 2016

Finte mini quiches porri e pancetta

Ciao a tutti! 
Anche se con un pizzico di ritardo vi racconto quello che è stata la mia creazione per l'antipasto di S. Stefano.
Si tratta, in realtà, di un piatto molto molto semplice, dove ho utilizzato un ingrediente che mi riporta alla mia infanzia e ai miei nonni: i porri.
MMMH. Alimento insolito direte. Beh, sì.
Dovete sapere che, quando ero piccina, mio nonno li coltivava nel nostro orto, e benché non fossero un alimento particolarmente amato da noi, ne piantava in quantità (secondi solo ad un immensa coltura di fagioli che ci avrebbe sfamato un reggimento), e sembrava divertirsi a passare il tempo mozzandogli (io non ho ancora capito il perché...) la cima.
Non sto poi a raccontarvi le risate che ci siamo fatti (e i suoi brontolamenti) quando, nel "potarli", una volta, ha perso l'equilibrio e ci è finito sopra, schiacciandone uno, povero malcapitato, proprio con la fronte...
E fu così che dei porri passò l'incombenza a mio papà. ;)

Però, bisogna dirlo, che toccava alla nonna trasformare quelle ridenti verdure (che, mi raccomando, non si butta via niente!) in qualcosa di appetitoso: santa donna, quante se n'è dovuta inventare per farceli mangiare!

Ho voluto quindi "omaggiarla" e ricordarla durante le feste con un antipasto che potesse essere facile, veloce, preparabile in anticipo, molto sfizioso, abbastanza leggero, senza uova e portatore di un po' di verde speranza, con l'idea che potesse essere propizio per l'anno nuovo che si avvicinava.

Passiamo quindi alla ricetta: il costo di preparazione è medio; il tempo è circa mezz'ora di preparazione + venti/trenta minuti di cottura.

Finte mini quiches porri e pancetta

ricetta torta salata light

Ingredienti per 10/12 tortine o una torta grande

Per la base:
Un rotolo di pasta sfoglia rettangolare (oppure potete farla in casa)

Per il fondo di pangrattato:
30 gr. di pangrattato 
olio d'oliva (circa un cucchiaio)

Per il ripieno:
250 gr. di porri (peso da puliti)
100 gr. di pancetta a cubetti
120 gr. di latte
10 gr. di farina "00"
4/5 noci a pezzetti

Procedimento (clicca sulle foto per ingrandire)

1. Prendete il pangrattato e passatelo in padella con un filo d'olio, a fuoco medio-basso fino a che diventa dorato. Poi mettete da parte.


2. Ora lavate i porri, asciugateli, privateli della parte verde scura (che è dura) e della base. Poi tagliateli prima a metà per la lunghezza e poi a pezzettini. Metteteli in padella con un filo d'olio e fateli appassire. Poi aggiungete anche la pancetta. Quando questa diventa chiara, versate la farina e mescolate.


3. Versate anche il latte, alzate la fiamma e mescolate bene: questo vi farà ottenere un composto omogeneo e cremoso: vi siete appena fatti la besciamella in padella! (Grazie maestro Giorilli per la dritta!). Alla fine aggiungete anche qualche noce a pezzetti (un paio vanno benissimo, ma potete anche ometterle). Lasciate intiepidire.


4. Prendete la vostra pasta sfoglia, srotolatela e foderate i vostri stampini da crostatina (oppure potete fare una torta intera). Bucherellate la base e versateci un po' di pangrattato.


5. Poi aggiungete una buona dose di ripieno fatto coi porri e terminate ancora con pangrattato e noci spezzettate. Qua avete due strade: o coprite e mettete in frigo, oppure infornate a 180°C per 20-25 minuti o finchè saranno belle dorate e croccanti. Servite calde sono la fine del mondo!!


torta salata porri ricetta

Con questa ricetta partecipo al contest di Mamma Papera, categoria "Ricette di Natale"


Un bacione e mi raccomando, provateci perché a casa continuano a richiedermela!!

By ogniricciouncapriccio


9 commenti :

  1. E' dolce per il nonno avere una nipotina come te, io invece un solo nipotino; è commovente il ricordo della tua infanzia, è coinvolgente il pensiero di rinnovare e gustare nuovamente ciò che a Lui era tanto caro.
    Una preparazione semplice, ma fatta con il cuore che diventa un regalo prezioso e inestinguibile.
    Solo la tua sensibilità e il tuo amore per i nonni poteva pensare ad un regalo così. Credo che il tuo papà si sia commosso, assaggiando questa meraviglia. Ad un dono più grande non potevi pensare.
    Preparerò anch'io queste tue "finte quiche", ma non saranno certamente buone come le tue. Ad esse mancherà la tua mano e il tuo cuore!!!

    RispondiElimina
  2. Che idea meravigliosa tesoro, complimenti, sono sicura che saranno tutti rimasti soddisfatti e si saranno litigati fino all'ultimo pezzetto ^_^
    Buona Epifania e a presto <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hanno proprio litigato!
      tanti auguri anche a te, un bacio :)

      Elimina
  3. Delle mini quiche bellissime da vedere e tanto gustose. Io non ho avuto la possibilità di avere dei porri nel orto, ma li ho sempre comprati perché piacciono tanto. Che belli i ricordi della infanzia, la nonna sarà stata orgogliosa di te vedendo mettere in pratica i suoi consigli ! Felice giornata !

    RispondiElimina
  4. Confesso che i porri non sono spesso presenti nella mia cucina... però, questa idea che ci proponi è veramente interessante. Senza contare che, da quello che ci racconti, racchiudono tanti ricordi e tanto amore! :o)
    Grazie, quindi, per questa tua condivisione culinaria, ma anche familiare! :o)
    Buona giornata,
    Lory
    Bazzicando in Cucina

    RispondiElimina
  5. I porri hanno ormai preso il posto delle cipolle a casa mia. Bella l'idea molto invitante

    RispondiElimina

Se l'articolo ti ha suscitato qualche domanda, critica o apprezzamento, scrivilo pure qui.
Dei commenti senza senso o lasciati tanto per, ne arrivano a sufficienza: a me non servono e a te fanno perdere tempo. Quindi evita, grazie.

N.B: I COMMENTI ANONIMI SARANNO ELIMINATI